Ptosi Pediatrica

I bambini possono avere una forma di ptosi congenita oppure acquisirla successivamente per ragioni legate ad un trauma o neurologiche.

Ptosi congenita: le cause non sono chiare

Per ragioni non chiare, alcuni bambini nascono con una o entrambe le palpebre basse e questa condizione è nota come ptosi congenita. La malattia non ha cause precise, ma è legata ad una distrofia congenita localizzata al muscolo elevatore della palpebra superiore.

La ptosi congenita può essere lieve o severa, arrivando a coprire completamente la pupilla. La maggior parte dei bambini affetti, tende a sollevare spontaneamente il sopracciglio per aprire di più l’occhio e a tenere il mento sollevato.

In alcuni casi la ptosi può causare una difficoltà al normale sviluppo della vista e può necessitare un’intervento urgente, ma nella maggior parte dei casi la chirurgia può essere deferita fino all’età prescolare.

Come si corregge la ptosi palpebrale congenita

Esistono diverse tecniche chirurgiche che permettono di correggere la ptosi palpebrale a seconda della diversa funzione del muscolo palpebrale affetto e, indipendentemente dal metodo utilizzato, il successo chirurgico di questo intervento è molto alto.

La sospensione al frontale viene eseguita quando la funzione del muscolo è molto compromessa (la palpebra non si muove) mentre il ripiegamento del muscolo elevatore si esegue in condizioni di conservata funzione del muscolo.

In entrambi i casi è ideale intervenire prima dell’inizio della vita scolare, quindi intorno ai 5 anni per permettere ai piccoli pazienti di non dover affrontare problemi psicologici causati dall’interazione con i coetanei.


Caso clinico di ptosi congenita severa monolaterale con occlusione completa della pupilla in un bambino di 3 settimane di vita.

ptosi congenita
situazione prima dell’intervento

In questa fase dello sviluppo visivo la ptosi di tale entità avrebbe un rischio elevato di causare una ambliopia profonda in questo bambino.

L’indicazione in questo caso è quella di intervenire in maniera urgente e correggere la ptois con filo di prolene. Ad una settimana dall’intervento si vede com il bambino con l’occhio ben aperto e con elevazione spontanea del sopracciglio dal lato operato.

ptosi congenita
1 settimana dopo l’intervento
ptosi congenita
visita di controllo dopo 1 anno dall’intervento

Al controllo 1 anno dopo si vede come permane l’effetto naturale e efficace nel lato operato che ha permesso uno sviluppo normale della capacità visiva.


corregge la ptosi palpebrale congenita prima e dopoptosi pediatrica prima e dopoptosi palpebrale – galleria prima e dopoptosi palpebrale prima e dopoptosi palpebrale congenita prima e dopoptosi pediatrica prima e dopocorregge la ptosi palpebrale congenita prima e dopocongenital ptosis before and afterptosis prima e dopo


 

Leggi i miei articoli internazionali pubblicati sulla ptosi palpebrale congenita:

Raccomandazioni della American Society of Ophthalmic Plastic and Reconstructive Surgery:

“There are many causes of ptosis including age related weakening of the muscle, congenital weakness, trauma, or sometimes neurologic disease. As we age, the tendon that attaches the levator muscle, the major muscle that lifts the eyelid can stretch and cause the eyelid to fall. This represents the most common cause of a droopy eyelid. Ptosis may also occur following routine lasik or cataract surgery due to stretching of the muscle or tendon. Children may be born with ptosis or may acquire it due to trauma or neurologic reasons.”

Vai alle raccomandazioni della ASOPRS:
http://www.asoprs.org/i4a/pages/index.cfm?pageid=3669


Riassunto: l’intervento permette un corretto sviluppo della funzione visiva, corregge gli atteggiamenti viziati di postura messi in atto dal bambino per sopperire all’abbassamento della palpebra ed evita al piccolo paziente le possibili ripercussioni psicologiche legate al difetto nell’interazione con i coetanei.

Apri la chat
Scrivici ora!
Possiamo esserti utili?